Hype, N26 o Revolut? Qual è la migliore?

Aggiornamento: 27 mar 2021

Con il presente articolo vogliamo rispondere alle domande: esistono carte credito gratuite? Cosa sono le carte conto? Qual è la differenza fra le carte con IBAN e le carte prepagate? Analizzeremo poi le offerte delle migliori carte di pagamento gratuite attualmente in circolazione: Hype, N26 o Revolut? Qual è il migliore?


Precisiamo fin da subito che tutte le carte di credito in senso stretto, ossia quelle che ti permettono di avere un credito dalla Banca, da ripagare nei mesi successivi, a saldo o a rate, prevedono dei costi. Se però siamo interessati ad avere una carta di pagamento che ci consenta di effettuare pagamenti e di prelevare dagli ATM in Italia e all’estero (e molti altri servizi), allora sì, esistono soluzioni gratuite!


La forte spinta degli ultimi anni all’innovazione e alla digitalizzazione in ambito finanziario sta portando infatti nuove opportunità per i consumatori, soprattutto per quanto riguarda pagamenti e altri servizi digitali. Alle ormai tradizionali carte prepagate, nate con l’obiettivo di garantire sicurezza per gli acquisti online e semplicità di utilizzo, alcuni Istituti hanno iniziato ad associare alla carta un IBAN, diventando così a tutti gli effetti una carta conto. In questo modo è diventato possibile effettuare operazioni bancarie molto simili a quelle che si possono svolgere con un conto corrente tradizionale, come fare bonifici e pagamenti, fare addebiti SDD automatici o vedersi accreditare lo stipendio, con tutte le funzionalità accessibili direttamente dallo smartphone. Ma il progresso è andato oltre! Oltre ai confini nazionali, riducendo significativamente le commissioni per pagamenti e prelievi all’estero… Ma anche oltre ai classici servizi di pagamento e bancari, come l’esempio di alcune realtà che offrono ai propri clienti servizi di diverso tipo: assicurazioni, sconti e cashback, trading, gestione del risparmio,



HYPE, N26, REVOLUT: QUAL È LA MIGLIORE?

Analizziamo meglio i tre operatori selezionati, Hype, N26 e Revolut e in particolare i loro piani base e totalmente gratuiti, anche con il supporto di tabelle comparative. Di seguito quindi una panoramica completa, analizzandone costi e commissioni, funzioni e praticità, vantaggi e svantaggi.

Le tre offerte appaiono simili sotto diversi aspetti e tutte garantiscono pagamenti in mobilità tramite una carta dedicata, con la gestione del proprio conto corrente comodamente dallo smartphone. Allo stesso tempo però arricchiscono il proprio pacchetto in modo differente, rendendosi alternativamente preferibili in funzione delle specifiche necessità.

Carta conto gratuita Hype confronto alternative

Hype è una carta conto italiana emessa da Banca Sella, con IBAN italiano, incentrata su semplicità nei pagamenti e di ricarica, con servizi aggiuntivi nei piani a pagamento.


Carta conto gratuita N26 confronto alternative

N26 è un Istituto tedesco, ma offre una carta conto con IBAN italiano. Utilissima nei pagamenti e particolarmente vantaggiosa in viaggio, avendo commissioni sul tasso di cambio molto basse e con numerose assicurazioni opzionali attivabili con i piani a pagamento.


Carta conto gratuita Revolut confronto alternative

Revolut è una carta conto britannica, con IBAN europeo ma con sigla GB (Gran Bretagna), completa di tutti i servizi di pagamento senza alcun tipo di massimale e molto conveniente in viaggio. Con i piani premium garantisce l’accesso senza limiti a una molteplicità di servizi ulteriori.




VANTAGGI E SVANTAGGI A CONFRONTO

Analizziamo innanzitutto le caratteristiche base dei piani gratuiti con il supporto di un tabella comparativa:

confronto migliori carte conto pagamento gratuite Hype N26 Revolut

Già dalle caratteristiche presentate finora, si può intuire che alcune delle offerte gratuite sono più indicate in talune occasioni e meno in altre. Analizziamo ulteriori aspetti che possono determinare la nostra scelta:

  • Limiti di operatività (prelievi e pagamenti) – N26 e Revolut non hanno limiti prefissati, mentre l’offerta più limitante è quella dell’italiana Hype, con un limite di ricarica fissato a 2.500 € all’anno per prelievi o pagamenti. Diverse sono le condizioni di Hype Plus (con canone di 1 € al mese) il cui plafond sale a 50.000 € annui o di Hype Premium, senza limiti.

  • Metodi di ricaricaHype vince la sfida, garantendo una molteplicità di metodi di ricarica possibili. Oltre ai bonifici gratuiti o le ricariche da altre carte (a 90 centesimi per operazione, gratuiti per i piani a pagamento), si può procedere anche al versamento in contanti senza costo presso le filiali Banca Sella, oppure presso i punti SisalPay, i supermercati Pam e Penny Market al costo di 2,50 € (nel piano gratis). N26 offre solo due modalità di ricariche : bonifici o versamento di contanti presso i supermercati del gruppo Pam e Penny Market. Il primo metodo è gratuito, il secondo comporta una commissione dell’1,5% dopo i primi 100 € al mese. Con Revolut non è possibile aggiungere fondi in contanti, ma solo gratuitamente tramite bonifico o da altre carte di debito/credito; in compenso è l’unica a consentire l’uso di Apple Pay per la ricarica.

  • Cashback e scontiTutte offrono sconti e cashback per le spese effettuate con i propri partner. Ad oggi il maggior numero di opportunità si ha con Hype, sebbene Revolut e N26 si stiano arricchendo velocemente di nuovi partner. Revolut nel suo piano a pagamento offre anche un cashback dell’1% su tutte le spese effettuate.

  • Ricariche telefoniche e bollettiniSolo Hype consente di ricaricare il credito telefonico e di eseguire il pagamento di bollettini postali, MAV e RAV. Le straniere Revolut e N26 non permettono tali operazioni.

  • AssicurazioniCoperture assicurative sono presenti con tutte le soluzioni, nei piani a pagamento o come opzioni in quelli gratuiti (es. Revolut). Si possono trovare assicurazioni viaggio che coprono ritardi e annullamento dei voli, per le spese sanitarie all’estero, per gli smartphone, per gli infortuni sulle piste da sci, … Particolarmente ricca appare oggi la proposta assicurativa di N26.



LA NOSTRA OPINIONE

Quindi qual è la migliore carta conto gratuita? Probabilmente dipende dall’uso che si intende farne!


Revolut, già con il piano base, risulta l’opzione più completa, offrendo anche altri servizi (seppur con dei limiti): trading di titoli e criptovalute, cambio istantaneo fra valute con creazione di conti paralleli, …


Hype è ideale per l’uso quotidiano grazie alla molteplici possibilità di ricarica ed entro i confini della Zona Euro, dove prelievi e pagamenti sono completamente gratuiti. Non è particolarmente conveniente invece nei paesi con una valuta diversa, dove spese e prelievi sono gravate da maggiorazioni. Avendo un conto italiano associato, sono disponibili anche ricariche telefoniche e il pagamento dei bollettini.


Chi cerca una carta per viaggiare fuori Europa dovrà sicuramente optare per Revolut o N26. Con la prima non ci sono commissioni sul tasso di cambio per pagamenti o prelievi (fino a certi massimali e con poche eccezioni), mentre la seconda applica una commissione fissa dell’1,7%, decisamente inferiore a quelle che si sostengono abitualmente.

Tornando alla domanda iniziale, forse non esiste la migliore carta conto gratuita in assoluto. Forse, anzi, la soluzione migliore è l’uso combinato delle stesse.

Se si è disposti, invece, a sottoscrivere un piano a pagamento, riteniamo che, al momento la scelta debba ricadere su Revolut, che garantisce in assoluto l’offerta di servizi più completa e ricca di opportunità per gli utenti.


Vuoi conoscere altre soluzioni innovative come queste?

Scopri Blimey, registrati e rimani aggiornato!

472 visualizzazioni1 commento